Lampade a LED

pubblicato 20 feb 2012, 03:19 da Pietro Cirincione
 
 

L’acronimo LED deriva da: light emitting diode, ovvero diodo ad emissione di luce. Il fenomeno venne scoperto da Lossew nel 1923, mentre eseguiva esperimenti, poi nel 1962 si ottennero buoni risultati sull’emissione di radiazione luminosa applicando materiale come l’arsenurio di gallio (GaAs). Questi tipi di led purtroppo non sono adatti per emettere grandi emissioni di luce in quanto tendono a bruciarsi facilmente.

Ultimamente si sta lavorando molto per realizzare dei diodi ad alta luminosità, Led P7 tecnologia OLED (Organic Light Emitting Diodes) diodi a emissione di luce organica potrebbe essere la soluzione. Sono dei sottilissimi fogli che emettono luce bianca ad alta luminosità (100 cd / m2) con una durata di circa 10 000 ore ed un efficienza di 50 lm/w, tecnologia che potrebbe sostituire le lampade ad incandescenza e alogene.

Oggi le lampadine a LED rappresentano un'alternativa ecocompatibile (che si traduce in meno emissione CO2 per centrali elettriche) alle lampadine a incandescenza. In futuro, la tecnologia a LED potrebbe aprire nuove possibilità per quanto riguarda i sistemi di illuminazione.


Risvolto della Medaglia

Alcuni studi sui Led che si trovano normalmente in commercio mostrano che i Led contengono piombo nickel, e arsenico e altri contaminanti tossici che sono i maggiori fattori di rischio di diversi tipi malattie. Il rame contenuto nei Led rappresenta, inoltre, una minaccia ai pesci ed ai sistemi ecologici dei fiumi e dei laghi, qualora le lampade a LED non siano smaltite in modo sicuro.

Sicuramente l'evoluzione del Led permette di disporre di luce di buona qualità in modo facile e a basso costo senza la necessità di utilizzare circuiti elettronici di supporto. Quindi oltre ad avere un risparmio sull'energia necessaria al funzionamento cé' anche un risparmio di risorse utilizzare per il suo funzionamento e quindi anche una minore produzione di spazzatura in caso di smaltimento.

Conclusioni

Credo che la tecnologia Led per l'illuminazione sia ancora agli inizi ed e' quindi prematuro ipotizzare un suo a livello globale in sostituzione delle attuali realtà illuminotecniche. Rimane poi da considerare se effettivamente l'impatto sull'ambiente complessivamente risulta effettivamente il male minore.





Comments